Non è importante soltanto quanto guadagnano i parlamentari, ma anche il rapporto tra stipendi parlamentari e stipendi medi dei loro concittadini. “La modernizzazione del Paese, il grande piano di modernizzazione dell’Italia passi anche per il referendum del 20 e 21 settembre sul taglio dei parlamentari”. Il prossimo 20 e 21 settembre si voterà per il referendum sul taglio dei parlamentari, una misura fortemente richiesta da parte delle forze politiche e invocata a gran voce da parte della società civile. Il leader di Italia viva ha promesso che, se il Premier Conte non farà marcia indietro sul Recovery, potrebbe negargli il sostegno in Aul. [4] La variabile dipendente è il logaritmo naturale del rapporto Parlamentati/popolazione, mentre la variabile indipendente è il logaritmo della popolazione. Il prossimo 20 21 settembre si voterà per il referendum sul taglio dei parlamentari, una misura fortemente richiesta da parte delle forze politiche e invocata a gran voce da buona parte della società civile. Michela Dell'Amico. Sono i 945 deputati e senatori eletti, più i sei senatori a vita. Il numero di eurodeputati per ogni paese è approssimativamente proporzionale alla popolazione di ciascuno di essi, secondo i criteri della proporzionalità degressiva: un paese non può avere meno di 6 o più di 96 eurodeputati e il numero totale non può superare i 705 (704 più il … Luigi Di Maio (Ministro degli Esteri): "Il 20 e il 21 settembre i cittadini, votando sì, taglieranno 345 parlamentari, che significa che passiamo da 945 a 600. Il taglio riduce il numero da 945 a 600. C’è chi ha confrontato semplicemente il numero per parlamentari in Italia (945 più 6 senatori a vita) con quello degli altri paesi, notando che l’Italia è in Europa il paese col più alto numero di parlamentari e che, anche dopo il taglio di 345 parlamentari l’Italia si collocherebbe al quinto posto dopo Francia, Germania, Regno Unito e Spagna (Fig.1). Parlamentari e parlamentari eletti direttamente a suffragio universale. Ci sono solo le regole generali stabilite dall’articolo 14 del Trattato sull’Unione europea. L’Italia è seguita dalla Germania con circa 700 parlamentari, dalla Gran Bretagna con circa 650 e poi dalla Francia con poco meno di 600. L’Italia il paese in Europa con il numero più alto di parlamentari direttamente eletti. Si lavora per riaprire la scuola in presenza il 7 gennaio, ma la ministra dell’istruzione Azzolina vuole garantire fino al 30 giugno. L'ex premier: 'Più utile un no per evitare che si pensi che la riduzione del numero dei parlamentari costituisca una riforma così importante per cui non ne deb… In ordine decrescente si trovano poi la Polonia, 560; la Spagna, 558 membri direttamente eletti (350 deputati e 208 senatori) mentre il Senato ha un numero variabile di membri, in parte eletto direttamente e in parte eletto indirettamente dalle assemblee legislative delle singole Comunità autonome; la Romania, 465; la Svezia, 349; la Grecia, 300; la Repubblica Ceca, 281. Partendo da quest’ultimo che, a mio vedere, è particolarmente significativo, l’approvazione della [6] Il numero appropriato di parlamentari è basato sul confronto con gli altri paesi europei, la stima è stata effettuata sulla base della regressione riportata nella tavola 1, colonna 2. Europarlamentare, anche eurodeputato, membro dell'Europarlamento (MEP) o deputato del Parlamento europeo, è la carica ricoperta da chi è eletto al Parlamento europeo, una delle due istituzioni dell'Unione europea che detengono il potere legislativo. Subito dopo l’Italia c’è la Germania con 709 parlamentari e la Francia con poco meno di 600. La classifica prima indica non cambia di molto se la si riferisce alle Camere non elettive. Parlamentari e parlamentari eletti direttamente a suffragio universale. Palazz… I dati mostrano che la Germania, per esempio, con il suo Bundestag, detiene il primato per il numero di deputati eletti, 709.A seguire c’è la Camera dei Comuni inglese, che si compone di 650 deputati. I deputati europei sono raggruppati per affinità politiche e non per nazionalità. Ha attualmente 945 parlamentari, mentre dovrebbe averne 675 (Fig. parlamentari per 100.000 abitanti in Polonia e Francia e 1,3 in Spagna). Per fare subito un esempio chiarificatore, i nostri inquilini di Montecitorio e palazzo Madama guadagnano esattamente il doppio dei loro colleghi europei, calcolando una media fra i paesi… I parlamentari italiani sono troppi e troppo pagati: questo è un problema percepito da tutti gli italiani e da tempo sedimentato nel dibattito pubblico. La proporsione attuale è di 1 a 63 mila abitanti attribuendo così all’Italia il primato per numero di poltrone. di Andrea Marini e Marta Paris Inoltre, concentrandosi solo sui grandi paesi non si terrebbe conto delle informazioni che possono derivare da paesi più piccoli. L’Italia, con oltre 59 milioni di abitanti, si posiziona 23esima al mondo per popolazione, terza in UE. Il taglio riduce il numero da 945 a 600. Francia e Inghilterra hanno più abitanti di noi, votando sì modernizziamo il Paese e lo riportiamo ai livelli europei per numero di parlamentari. Attualmente il nostro paese è in 74esima posizione se calcoliamo il rapporto tra popolazione e numero di parlamentari. In Europa l’Italia è il Paese con il numero più alto di parlamentari direttamente eletti dal popolo, pari a 945 (Tabella 1). Se si passasse, invece, a un parlamento monocamerale, la riduzione proposta del numero dei parlamentari sarebbe in gran parte giustificata. Presumibilmente, paesi più grandi hanno bisogno di un numero più elevato di parlamentari. Attualmente ci sono 945 parlamentari tra cui una buona parte assente per il 90% delle sedute. È l'equivalente europeo dei legislatori a livello nazionale (), nelle camere basse o nei Parlamenti unicamerali. Questo perché—si può ragionevolmente sostenere—ogni deputato non può rappresentare (e quindi “ascoltare”) troppi cittadini. Tuttavia, paesi caratterizzati da sostanziale bicameralismo tendono ad avere più parlamentari. Stipendi parlamentari alti non sono un lampante indice di sprechi per il Paese, ma possono essere un indicatore in quella direzione. Il 30 marzo 1962 l'Assemblea muta nome in "Parlamento europeo", che dal 1º gennaio 1973 lievita a 198 membri per l'entrata di Danimarca, Regno Unito e Irlanda.. Numero di parlamentari : stati europei a confronto ottobre 8, 2016 ottobre 31, 2016 CL 2 Commenti parlamentari , riforma costituzionale Dai dati riportati nella tabella (fonte : Senato) si evince che il numero di parlamentari in Italia in rapporto alla popolazione è tra i più bassi in Europa La classifica dei Paesi con il maggior numero di parlamentari non cambia di molto neppure se si tiene conto anche delle Camere non elettive. [3] IPU è una organizzazione che riunisce i parlamenti nazionali, in particolare raccoglie dati sui parlamenti in termini di struttura, composizione, performance, metodi di lavori e attività. L’Italia non è più il Paese europeo col maggior numero di parlamentari eletti direttamente Al referendum del 20 e 21 settembre sulla legge costituzionale che riduce il numero dei parlamentari eletti direttamente dai cittadini (sono esclusi quindi i senatori a vita) da 945 a 600, secondo i dati del Ministero dell'Interno i “Sì” hanno vinto con ampio margine. 18 Settembre 2020. Inoltre, molto spesso il governo della coalizione deve rinunciare alle azioni utili Luigi Di Maio (Ministro degli Esteri): "Il 20 e il 21 settembre i cittadini, votando sì, taglieranno 345 parlamentari, che significa che passiamo da 945 a 600. Nel seguito si spiega perché differiscono e quale confronto sembra il più appropriato. E visto che tutti questi paesi hanno un sistema bicamerale, appare preferibile considerare il numero di parlamentari totali (senatori più deputati) eletti dalla popolazione. Trova un centro UE vicino a te per incontrarci di persona, farci domande e parlare dell'UE Trova l'ufficio più vicino a te * Per il momento questo numero potrà ancora essere chiamato dal Regno Unito dopo il suo recesso dall'UE. Se continui a visitare questo sito, acconsenti al loro utilizzo. Inoltre, per il Regno Unito sono esclusi i Lord in quanto rivestono funzioni non assimilabili a quelle degli altri parlamentari e non ricevono una remunerazione per l’attività svolta. Attualmente la Camera dei deputati, con 630 eletti, è tra le 'Camere basse' in Europa quella in cui siede il numero maggiore di deputati. Tenendo conto di questi fattori l’Italia sembrerebbe avere un numero piuttosto elevato di parlamentari e, con la riduzione ora sottoposta a referendum, si collocherebbe intorno alla media europea. “Un altro segnale che noi diamo a tutto il mondo” ha spiegato Di Maio, secondo il quale se vince il ‘Sì’ “l’Italia torna ai livelli europei per il numero di parlamentari. [1] In questa nota le medie sono calcolate escludendo l’Italia. Con riferimento alla Francia, in particolare, è interessante notare come il Presidente Macron abbia recentemente proposto di ridurre di un terzo il numero di parlamentari. In conclusione, alla luce del vincolo imposto dall’esistenza di due camere con le stesse funzioni, il numero dei parlamentari italiani non sembra anomalo. L’Italia – con 945 rappresentanti – è il secondo Paese in classifica, dopo il Regno Unito che ne ha ben 1.441. Riapertura scuola, studenti in presenza fino al 30 giugno? Dei 73 seggi resi vacanti dall'uscita del Regno Unito dall'UE, 27 seggi sono stati riassegnati per rispecchiare meglio il … - Cookie Policy. Si tratta comunque di paesi diversi in termini di popolazione; per esempio, la popolazione tedesca è di un terzo superiore a quella italiana. Quindi, per ogni confronto, è necessario un considerevole numero di distinguo e precisazioni. Il vero, gigantesco problema è invece un altro: tagliare gli stipendi – questi, gli attuali – ai parlamentari. Francia e Inghilterra hanno più abitanti di noi, votando sì modernizziamo il Paese e lo riportiamo ai livelli europei per numero di parlamentari. Infatti, nell’analizzare il rapporto tra parlamentari e popolazione occorre anche tener conto del fatto che al crescere della popolazione il numero dei parlamentari non deve necessariamente crescere proporzionalmente: paesi piccoli tenderanno ad avere più parlamentari per abitante perché esistono dimensioni minime al di sotto del quale non si può scendere per l’esercizio delle stesse funzioni. Copyright ©2008-2020 Università Cattolica del Sacro Cuore - Tutti i diritti riservati Attualità, televisione, cronaca, sport, gossip, politica e tutte le news sulla tua città. Dalla tabella elaborata nel Dossier dell’ottobre 2018 curato dal Servizio Studi del Senato della Repubblica, emerge con evidenza come il nostro Paese andrebbe ad affiancare la Germania che vanta il primo posto nella classifica dei Paesi dell’U. Questa è una lista di stati dellEuropa in base alla popolazione. L’unico grande Stato europeo che ci supera in questa classifica è il Regno Unito, con un rappresentante ogni 46mila abitanti. 56, 57 e 59 della Cost. Tra gli argomenti a favore il risparmio per le casse dello Stato. Con il taglio dei parlamentari l’Italia si ritroverebbe però sul lato opposto della figura con una carenza di 75 parlamentari, una cifra non irrilevante ma neppure enorme. Per l’Italia il numero dei parlamentari usato nel seguito è di 945; non si considerano i senatori a vita che comunque si ridurrebbero solo di 1 unità con la riforma sottoposta a referendum. Utilizziamo i cookie per migliorare la funzionalità del sito "Unicatt" e per garantirti un'esperienza di navigazione sempre ottimale. Quindi, per ogni confronto, è necessario un considerevole numero di distinguo e precisazioni. Il numero dei parlamentari dipende, infatti dalla forma costituzionale che il singolo Paese si è dato. La rappresentatività, il rapporto tra parlamentari e cittadini costituisce l’essenza stessa della nostra democrazia che, alla luce della riforma, risulta essere una questione della massima rilevanza in quanto oggetto della legge 27 maggio 2019 n. 51 (“Disposizioni per assicurare l’applicabilità delle leggi elettorali indipendentemente dal numero dei parlamentari”).